Beluga

Il suo nome scientifico è Delphinapterus Leucas ed è un cetaceo appartenente alla famiglia dei Monodontidi. Abita nelle aree geografiche dell’Artico e nelle acque subartiche. Lo si trova nelle zone dell’Alaska, Canada, in Groenlandia, in Russia, in Norvegia, Isole Chantar, Isola di Sakhalin , in Canada nel Fiume San Lorenzo (la più grande via fluviale che attraversa il Quebec e il principale emissario dei grandi laghi, la più vasta estensione di acqua dolce del mondo), nel Saguenay River e nel Mare di Okhotsk.

Indice dei contenuti

  1. Habitat del beluga
  2. Caratteristiche del beluga
  3. Comportamento del beluga
  4. Cosa mangia il beluga?
  5. Minacce per il beluga
  6. Riproduzione del beluga
  7. Curiosità sul beluga

Habitat del beluga

Il Beluga durante il periodo invernale si trova ai margini delle calotte polari nel periodo estivo, quindi durante il disgelo, inizia a spostarsi verso zone più calde, principalmente si stanzia alla foce dei fiumi e lungo le coste. Solitamente vive in acque poco profonde che trova in insenature, fiordi, baie e canali, e solo quando deve dare alla luce i cuccioli o deve nutrirsi si sposta in acque più profonde. Durante il periodo estivo cerca acque con temperature che variano tra gli 8 e i 10°, gli esemplari femmine con i cuccioli cercano acque aperte e soprattutto vicino alla costa, i maschi adulti aree chiuse e coperte di ghiaccio mentre i giovani maschi preferiscono vivere vicino alle barriere di ghiaccio.

Caratteristiche del beluga

Il Beluga ha il caratteristico colore bianco e ha delle sporgenze sulla testa, la sua fronte è molto alta con al centro l’ecolocalizzatore (stesso meccanismo che i sonar utilizzano per sfruttare la riflessione delle onde sonore). Questa specie è in grado di modificare la forma della testa semplicemente soffiando aria. Fa parte della famiglia delle balene dentate, anche se non ha una dentatura molto formata, infatti ha solo 8-10 denti su ogni lato della mandibola e gli servono per afferrare la preda e masticare. Il beluga è un parente stretto del narvalo ma a differenza dello stesso ha la testa e il collo molto mobili in quanto non ha le vertebre del collo fuse insieme, questo gli permette di poter guardare in tutte le direzioni quando si trova in superficie, come un periscopio. Il maschio è sempre più grande della femmina e il 50% del suo peso è formato da grasso. L’esemplare maschio può raggiungere i 5,5 metri di lunghezza e pesare circa 1600 chilogrammi mentre la femmina solitamente non supera i 4 metri e pesa circa 1200 chilogrammi, entrambi però raggiungono la loro taglia massima intorno ai 10 anni. Il suo corpo è affusolato alle estremità e la coda è a forma di L, essendo particolarmente grande la usa come timone per muoversi nell’acqua raggiungendo una velocità media di circa 9/10 chilometri orari. È in grado di immergersi a grandi profondità anche se normalmente passa la maggior parte del tempo in superficie anche perchè per respirare al meglio deve prendere aria ogni 20 minuti circa. Il beluga non ha la pinna dorsale bensì una cresta che lo aiuta a stare al caldo e le sue pinne pettorali sono piccole rispetto al corpo e sono a forma di remo con la punta arricciata. Questo animale ha un senso dell’udito e una corteccia uditiva molto sviluppati e sono in grado di ascoltare i suoni con grande attenzione. Per quanto riguarda la sua vista questo genere di balena può vedere sia sott’acqua che fuori dall’acqua, anche se la sua vista non è sicuramente aguzza come quella dei delfini. Nella bocca ha delle aree che gli consentono di rilevare il sangue nell’acqua e questo gli serve per proteggersi dai pericoli.

Comportamento del beluga

Il beluga è un animale molto socievole, durante l’estate i gruppi in cui si radunano crescono fino ad arrivare a 1000 esemplari e mentre sono insieme fanno molta vita sociale interagendo tra di loro cantando, giocando e nuotando. In questi gruppi è facile trovare anche altri cetacei, specialmente i delfini. I gruppi solitamente sono formati da maschi che formano una sorta di clan con altri esemplari mentre le femmine solitamente formano il loro gruppo includendo anche i cuccioli. Si è riuscito a dimostrare che alcuni cuccioli, una volta cresciuti, almeno una volta all’anno tornino nelle zone in cui sono stati con le loro madri. Come detto è un animale molto socievole e giocherellone, infatti ama giocare con qualsiasi cosa, come ad esempio, un legno, una pianta ecc. Vivendo nella zona artica il Beluga ed avendo necessità di respirare, riesce a creare dei buchi nello strato di ghiaccio utilizzando la testa. Questi gruppi nei mesi estivi si trasferiscono presso gli estuari dei fiumi oppure dove le acque hanno un fondale basso, in modo tale da trovare ghiaia sulla quale strofinarsi per eliminare la pelle vecchia e ritornare ad avere la pelle candida e lucida. Il beluga emette svariati suoni ad alta frequenza e i suoi vocalizzi, che sono molto forti, assomigliano ai versi degli uccelli. Utilizza molto anche il linguaggio del corpo ad esempio muove i denti e sguazza nell’acqua, per comunicare.

Cosa mangia il beluga?

Il Beluga principalmente si nutre di cibo che cattura nuotando lentamente. Le abitudini alimentari però variano a seconda della stagione e della posizione in cui si trova, infatti a parte il pesce si nutre di merluzzo, gamberetti, salmone, granchio, vongole, vermi di mare, polpi e calamari. Per cercare il cibo si immerge per 20-40 metri, raggiungendo il fondo del mare (in acque poco profonde), a volte raggiungono anche a 700 metri, e possono restare sott’acqua dai 5 ai 15 minuti al massimo. Avendo un collo molto flessibile è più facile cercare cibo nei fondali marini, aspirando acqua e cibo, per questo motivo si nutrono di piccoli esemplari perché possono inghiottirli interi senza correre il rischio di soffocare.

Minacce per il beluga

I predatori principali di questa specie sono soprattutto le orche e gli orsi polari, e soprattutto loro, per cacciare il beluga si appostano vicino alle buche che il beluga scava nel ghiaccio per respirare e lo attacca, nonostante il colore del suo manto riesca a mimetizzarlo con il ghiaccio. Questa specie negli anni scorsi è stata cacciata dall’uomo per la vendita della sua carne. Specialmente nella zona dell’Alaska il beluga è una specie protetta in quanto in pericolo d’estinzione e attualmente ci sono meno di centomila individui di questo genere sparsi nel mondo.

Riproduzione del beluga

L’accoppiamento del Beluga avviene solitamente tra la fine di febbraio e inizio aprile, quando la femmina sceglie il maschio con il quale accoppiarsi si posiziona sotto il ventre di lui nuotando insieme all’unisono. La gestazione dura circa 14 mesi e al termine di questo periodo nasce un solo cucciolo, già in grado di nuotare da solo. Una volta nato il cucciolo si nutre direttamente dalla madre per almeno 2 anni, la femmina infatti è dotata di ghiandole mammarie che le permettono di spruzzare il latte direttamente nella bocca del piccolo ed il rapporto che si instaura tra madre e figlio è molto forte, infatti il cucciolo nuota sempre attaccato a lei. Passati i due anni il cucciolo di beluga è in grado di fare immersioni, cacciare e trovare il cibo sia in gruppo che da solo. L’intervallo tra un parto e l’altro è di circa 2-3 anni e la maturità sessuale del beluga inizia nei maschi tra i 7 e i 9 anni e nelle femmine tra i 4 e i 7 anni. Il beluga ha un’aspettativa di vita tra i 30 40 anni ma sono stati trovati esemplari anche di 60 e 80 anni.

Curiosità sul beluga

Ci sono alcune cose che forse non sai del beluga e che potrebbero essere interessanti:

  • Il beluga è un cetaceo che, come l’essere umano, va in menopausa, infatti un recente studio ha rivelato che ci sono tra le poche specie anche questi cetacei, che arrivati ad una certa età non possono più concepire.
  • Molti beluga vivono in cattività in aree più meridionali, come l’esemplare di beluga inserito nell’Acquario Oceanografic di Valencia (Spagna) che è il primo in Europa ad avere un esemplare di questo genere.
  • Nel 2009 un beluga ha aiutato una giovane donna di nome Yang Yun che stava partecipando ad una gara di immersioni presso un acquario, mentre si trovava sott’acqua la ragazza ha avuto un malore a causa della temperatura troppo fredda, il beluga prese le gambe della ragazza in bocca portandola in superficie e salvandole così la vita.
  • Il beluga si è conquistato il nome di Canary of the sea (canarino del mare) grazie alle belle “canzoni”, ai fischi e ai suoni che emette.
  • La compagnia francese Airbus, che progetta e produce aeromobili civili, ha optato per un progetto in cui cinque dei suoi aerei cargo avranno la forma di beluga, o almeno che gli assomiglino.

Ti potrebbero interessare anche: