Dove vive il panda gigante?

Questo panda viene chiamato panda gigante o panda maggiore ed il suo nome scientifico è Ailuropoda melanoleuca, si tratta di un mammifero che appartiene alla famiglia Ursidae (famiglia degli orsi). Il panda originariamente ha vissuto in Birmania ed in Vietnam, oltre che nella parte orientale della Cina, ed è proprio in queste nazioni che sono stati rinvenuti dei fossili di questo animale. Attualmente il panda vive solo in una ristretta zona della Cina e si possono trovare pochissimi esemplari anche in Tibet. Questo animale è un emblema nazionale in Cina ed è diventato il simbolo del WWF. In questo articolo sul panda oltre a moltissime foto e video troverai moltissime informazioni utili e curiosità su questo animale.

Indice dei contenuti

  1. Habitat del panda
  2. Cosa mangia e caratteristiche del panda
  3. Comportamento del panda
  4. Riproduzione del panda
  5. Quali sono i predatori del panda?
  6. Il panda è in via di estinzione?
  7. Dove vedere il panda in cattività?

Habitat del panda

L’habitat del panda lo si trova in aree dove il clima è invariabile, cioè dove le condizioni climatiche sono sempre le stesse durante tutto l’anno, senza sbalzi eccessivi di temperatura. Trova la stabilità climatica nelle montagne della provincia di Sichuan, tra i 1300 e i 3500 metri di altitudine, questo anche perchè in questo habitat trova il bambù, pianta che in questo clima trova la situazione perfetta per crescere ed è il cibo principale nella nutrizione del panda. Di seguito troverai le immagini di panda nel loro habitat naturale.

Cosa mangia e quali sono le caratteristiche del panda?

Nonostante appartenga alla famiglia degli orsi, quindi carnivori, il panda è principalmente un erbivoro, si ciba infatti del bambù ed arriva a consumarne fino a 15 chilogrammi al giorno. Ma non si alimenta solo del bambù, infatti essendo anche onnivoro insieme a questa pianta può mangiare anche insetti, uova e in rarissime occasioni anche carogne di altri animali, una peculiarità del panda è quella di muovere le orecchie mentre mangia. La sua altezza può variare tra i 120 e i 150 centimetri ed il peso varia dai 75 ai 160 chilogrammi. La pelliccia del panda è molto spessa e di colore bianco e nero, gli serve per proteggersi dal freddo delle foreste. Il pelo nero della pelliccia lo si trova intorno agli occhi, alle orecchie e lungo le spalle mentre la coda ed il resto del corpo sono di colore bianco (questo colorazione del panda lo rende unico e simpatico proprio a tutti). Gli occhi del panda hanno le pupille come quelle dei gatti e questo gli permette di vedere molto bene di notte, mentre di giorno la vista cala, nonostante questo ha un’ottima memoria geografica, un buon udito e un eccellente olfatto. Ha una mascella molto robusta con denti ampi e in numero maggiore di sette volte rispetto all’essere umano. Il palmo della zampa del panda è insolito ed e formato da 5 dita più un “falso pollice”, che è una modificazione genetica dell'osso del polso. Questo pollice gli permette di afferrare le canne di bambù per poterle portare alla bocca per poi sbucciarle con i denti e succhiarne la polpa. Il panda gigante, rispetto ad altri orsi, non va in letargo e rimane sempre attivo, vivendo in modo solitario durante l’arco dell’anno tranno che nel periodo dell’accoppiamento. In natura il panda gigante può vivere tra i 20 e i 25 anni mentre in cattività tra i 30 e i 35 anni.

Comportamento del panda gigante

Partiamo dal presupposto che il panda passa la maggior parte delle sue giornate mangiando e dormendo, la posizione che ama di più per dormire è su un lato o supino con le zampe posteriori rannicchiate, è veramente uno spettacolo vederlo dormire, possiamo dire che pur essendo un animale abbastanza sedentario e nonostante la stazza, il panda è abbastanza agile nei movimenti e riesce molto facilmente ad arrampicarsi sugli alberi, soprattutto per scappare dai pericoli o da altri esemplari più forti. Se necessita di entrare in acqua è anche un abile nuotatore. Come abbiamo detto è un animale solitario, infatti le famiglie di questa specie non vivono mai insieme, tranne durante il periodo dell'accoppiamento, che avviene tra marzo e maggio, ma subito dopo essersi formata la coppia i due non resteranno insieme se non per i primi due mesi, dopo questo periodo si allontaneranno e le femmine cresceranno da sole i cuccioli. È un animale molto docile e quando incontra un essere umano solitamente abbassa la testa e si copre il muso per nascondersi, infatti difficilmente attacca l’uomo o altri animali, la maggior parte delle volte scappa e si nasconde. Possono diventare aggressivi e attaccare solo nel momento in cui avvertono un pericolo per i propri cuccioli. Per quanto riguarda la comunicazione tra gli esemplari questa avviene tramite l’odore lasciato per marcare il territorio, questo odore aiuta anche le coppie a ritrovarsi durante la stagione dell’accoppiamento. Tra di loro, in coppia, invece comunicano tramite suoni e versi e restano in silenzio solo se vogliono giocare. È difficile che esistano lotte tra panda in quanto ogni esemplare marca il territorio in cui vive con il proprio odore, sia su tronchi e pietre che sul terreno. Oltre alle secrezioni ghiandolari il panda marca il proprio territorio anche con l’urina, infatti mentre urinano graffiano i tronchi degli alberi in modo che altri panda vedano e sentano che quello è un territorio di un altro esemplare. Le femmine invece durante la stagione dell’accoppiamento producono un particolare odore che fa capire ai maschi che è pronta per accoppiarsi.

Riproduzione del panda gigante

Una volta avvenuto l’accoppiamento la femmina preparerà il luogo in cui poi partorirà i piccoli con foglie, paglia secca e con radici. La femmina nella maggior parte dei casi mette al mondo un solo cucciolo, se dovesse averne due e non riuscendo ad accudirli entrambi ne accudirà uno solo abbandonando l’altro. La gestazione dura tra i 2 mesi ½ e i 6 mesi ½ e una volta nato il cucciolo verrà svezzato a circa 9 mesi di età, ma resterà accanto alla madre per i successivi 18 mesi, in modo da imparare su come procurarsi il cibo e a come sfuggire o difendersi dai predatori. Quando nasce il cucciolo di panda è cieco e pesa circa 140 grammi e fino a tre mesi di età non è in grado di spostarsi da solo, la sua pelliccia non è quella tipica (che tutti amiamo) ma è completamente bianca, solo con la crescita diventerà bianca e nera. Il panda raggiunge la maturità sessuale tra il quarto e il sesto anno di vita ed il periodo riproduttivo dura da 1 a 3 settimane all’anno. Solitamente l’accoppiamento avviene tra consanguinei in quanto sono sparsi in gruppi molto piccoli, quindi è molto più facile accoppiarsi tra loro che tra altri esemplari di panda.

Quali sono i predatori del panda?

Nonostante il panda sia un orso e un avversario pericoloso nel momento in cui si deve difendere, è vittima di predatori come l’orso bruno, l’orso nero asiatico e il lupo per quanto riguarda i predatori a terra, per quanto riguarda i predatori sugli alberi invece può essere vittima del leopardo e del leopardo delle nevi. Solitamente però questi predatori attaccano i cuccioli in quanto sono privi di difese, mentre il panda adulto riesce a difendersi molto bene, riuscendo, a volte, a mettere in fuga i predatori.

Il panda gigante è in via d’estinzione?

Questa specie è una delle 100 specie di mammiferi considerata ad elevato rischio d’estinzione. Proprio per questo l’IUCN (Unione internazionale per la conservazione della natura) ha passato questa specie nella categoria vulnerabile, ma il rischio di estinzione è alta in quanto il disboscamento e la distruzione di foreste, specialmente di bambù, rende sempre più difficile trovare cibo per questa specie. La scarsità di cibo porta il panda a spostarsi da un luogo all’altro continuamente esponendolo al bracconaggio e ad altri pericoli, per questo anche il WWF sta intervenendo per poter proteggere questo animale in quanto secondo l'ultimo censimento gli esemplari rimasti in natura sono circa 1864.

Dove è possibile vedere il panda gigante in cattività?

Una volta, anni fa, esistevano i classici zoo, dove gli animali venivano tenuti in piccole gabbie e lontani anni luce dal proprio habitat naturale, fortunatamente ad oggi questi zoo sono stati trasformati, nella maggior parte dei casi, in bio parchi o parchi dove l’habitat degli animali viene rispettato. Se vogliamo vedere questo simpatico e tenero orso esistono in Europa alcuni “zoo” dove poterlo trovare, ecco una lista dei luoghi dove si può vedere il panda:

  • Allo zoo di Vienna in Austria;
  • Allo zoo di Madrid in Spagna;
  • Allo zoo di Edimburgo in Inghilterra;
  • Allo zoo di Beauval in Francia;
  • Allo zoo di Bruxelles in Belgio;
  • Allo zoo di Rhenen nei Paesi Bassi;
  • Allo zoo di Berlino in Germania;
  • Allo zoo di Ahtari in Finlandia.