Tigre Indocinese

È conosciuta anche come tigre di Corbett e la sua distribuzione geografica la si trova tra la Cambogia, il Laos, la Thailandia, la Birmania e il Vietnam. Questo esemplare ama vivere nelle foreste collinari e montuose situate soprattutto lungo i confini statali, nelle mangrovie che sono una ecoregione terrestre lungo le coste della Thailandia, della Cambogia e del Vietnam, nelle praterie e predilige habitat come foreste pluviali, foreste sempreverdi, foreste di latifoglie, foreste tropicali e subtropicali con alberi a foglia larga.

Caratteristiche della tigre Indocinese

Questa specie è più piccola di quella del Bengala e di quella Siberiana, il suo manto è più scuro, con strisce singole piuttosto strette e sulla pancia è bianca. I maschi sono lunghi tra i 2,5 e i 2,8 metri e pesano tra i 150 e i 195 kg, le femmine invece misurano dai 2,3 ai 2,55 metri di lunghezza e pesano dai 100 ai 130 kg. Caccia principalmente animali di media/grossa taglia, come cervi, cinghiali, bovini, istrici , macachi e tassi.

Riproduzione della tigre di Corbett

Questa tigre si riproduce tutto l’anno ma il periodo migliore per la riproduzione è tra il mese di novembre ed aprile. La gestazione dura circa 3 mesi e possono nascere fino a 7 cuccioli, anche se il numero di cuccioli che solitamente nascono per ogni femmina sono tre. Durante il primo anno di vita il tasso di mortalità di questi cuccioli è molto alto, a causa di incendi, inondazioni (l’area geografica in cui vive questa specie infatti è spesso soggetta ad inondazioni). Tra i 18 e i 28 mesi sono già in grado di cacciare e vivere da soli. Nel suo habitat naturale questa tigre può vivere tra i 15 e i 26 anni, ma anche questa specie è in via d’estinzione e tra le cause maggiori, dopo il bracconaggio, c’è la caccia sia per la vendita della pelliccia che per essere utilizzata nella medicina tradizionale, infatti con gli organi vitali (ossa, occhi e denti) vengono curate varie malattie tra cui l’insonnia, la malaria, la meningite e la dermatite.